dicembre 21, 2005

concept-stores & chefs


Gli chef stanno nelle cucine e fanno da mangiare. In verità non è sempre così come pochi ben sanno. Alcuni chef fanno le consulenze per aprire i ristoranti, e quindi: pensano a un business plan, mettono in piedi una brigada, trovano i fornitori, cercano un menù per un target preciso, costruiscono i piatti, li standardizzano, pensano a una mise en place coerente con il design del tavolo, della sedia, del design, dell'ambiente, formare le persone...insomma avviano il locale...per alcuni chef il lavoro NON è solo cucinare e cuocere pietanze, il lavoro è di spettro molto ampio.
Il concept-store è un negozio che ha dentro: mobili, complementi d'arredo, piatti e bicchieri, tovagliato, profumi e saponi, cibi e bevande, mutande e scarpe, vestiti e cappelli, borse e guinzagli, bar e ristorante. Rarissimi sono i concept-store con una forte e dinamica impronta estetica. In genere è un'accozzaglia di robe messe giù senza capo nè coda.
A aumentare questa tragedia nei concept-store, di cibo e di bevande POCHISSIMO si capisce. Molti ideatori di concept store hanno un rapporto innaturale con il cibo: tengono conto SOLO della forma e mangiano POCHI cibi. Nessuno di loro è realmente autenticamente onnivoro. Soprattutto nessuno di loro è un vero gourmet men che meno un buongustaio. Purtroppo il cibo è soprattutto contenuto. Molti pensano di essere geniali e di poter tutto. Non si capisce se di arroganza o di superficialità si tratti. Molti chef si scontrano con il mondo del concept-store. Finisce che lo chef si scazza subito. Per questioni di papille gustative. Per questioni estetiche. Per questioni di gestione economica. Sono due mondi distanti, diversi e distinti. Si aggiunga il deleterio fatto che in tutti i concept-store del mondo si mangia MALE. Ma se parlate con il geniale proprietario del concept store lì dentro si fa food design e si mangia benissimo! Per dire: un calice (martini, flute, vino bianco, vino rosso, cognac) contiene ghiaccio e viene usato per una questione di conduzione di calore (della serie il calice non scioglie il ghiaccio) quando invece appunto per una questione di forma il calice è un bicchiere che premia la distinzione tra il mondo del bere del ricco rispetto a quello del povero e di rado si vede il ghiaccio nelle coppe e nei flute. E per una questione di forma bisogna vedere bene il liquido (CARISSIMO) che vi si beve. E nel calice non si mette il ghiaccio.
Alcuni chef fanno marchette. Lavorare nei concept-store è e rimane per uno chef una marchetta. Il geniale proprietario del concept-store ragione con il cuore pensando forse di far soldi mentre lo chef ragiona con la testa pensando di far fare i soldi. E tra cuore e testa non scatta mai l'amore. Perché le due persone sono distanti, diverse e distinte. E' raro che tra cliente e puttana scatti un grande amore. E su quei rari casi addirittura ci fanno dei film. Per dire.

Etichette:

1 Comments:

Anonymous affiliate programs said...

Waste your money and your only out your money,but waste your time and your out part of your life... Michael Leoboeuf

Inflation is when you pay fifteen dollars for the ten dollar hair cut you used to get for five dollars when you had hair... Sam Ewing

If You Find a need to become part of the affiliate programs so you make a few extra bucks.. go to http://7day2success.com/ ....affiliate programs...affiliate programs....

Live a better life today..

8:43 PM  

Posta un commento

<< Home