gennaio 10, 2006

sumochef: terza puntata



Sumochef e io abbiamo avuto una lite (giapponese) ma adesso è peggio di prima...Al GM non piaceva la composizione di fiori nella hall dell'hotel che non si accordava con il design della Beauty Farm all'ultimo piano. Mi ha preso e mi ha portato dalla fiorista, una piccola meravigliosa signora e come tutte le fioriste una poetessa. Facciamo pratica di comunicazione e rispondo in modo esaudiente a tutte le domande (quanti anni ho, stato civile, figlia, passioni, letteratura e...) finalmente parliamo di come teoricamente dovrebbero essere messi i fiori, e le spiego il progetto esposizione fiori (i suoi bouquet sono sublimi ma bisogna pensare ad un design che vada d`accordo con quello sopra, non sia mai che si offenda): non minimalista, non ikebana, ma entrambi quindi deve essere concettuale e semplice. Disegno e le dò delle idee guida: Basho (grande poeta zen del 1600) "un campo e il frinire di cicale e in lontananza ombre di guerrieri. Tombe" quindi un campo a primavera verso il tramonto quando l`aria quasi è trasparente e ti sembra di vedere qualcuno ma non c`è nessuno e la devastazione della guerra e la morte e...
parliamo di Ono no Komachi (grandissima poetessa dell'800 d.C.) "pensavo a lui poi dormiente lo sognai ah se sapevo che solo un sogno era non mi sarei svegliata" quindi una notte di mezza estate, si presenta l`amante portando dei regali (cibo e fiori), la luna, le stelle e il resto e poi c`è la mattina e il mal di schiena e...Tsurayuki (grande poeta del 900 d.C.) "cammino lento verso i scoscesi sentieri del Fuji e imbiancate sono le tempie come le cime" quindi rocce, neve, stanchezza e vecchiaia, l`inverno della vita e l`inverno della natura e i fiori dovranno dare questa idea...
Partite da questo abbiamo messo in piedi un progetto per tutte le stagioni diversificando fiori ed esposizioni. Allora sumochef passa e vede la prima composizione, passa vede la seconda composizione e questa mattina mi chiede se dietro 'sta roba ci sono io...ha chiesto, si è informato e sa che ci sono io...rispondo sì. Mi chiede che cosa faccio lì e rispondo che faccio consulenza
sumochef: Per la cucina o per tutto?
io stupita: sensei perché? (sensei è maestro e si usa come onorifico)
sumochef seccato: Io ti ho dato un orario di lavoro vorrei tu lo rispettassi!
Rido. Lui fa la faccia scura, è chiaramante incazzato.
Io tentando di essere diplomatica: sensei guarda che...
sumochef: Tu mi stai prendendo in giro
io: sensei non mi permetto di prenderti in giro
Sì, No, Sì
io: sensei quanti anni hai?
sumochef: cosa c`entra?
sensei! io ho firmato un contratto dove mi si chiedeva la consulenza di menù e progetti per un nuovo design.
Silenzio
sensei mi ci ha portato il GM dalla fiorista...parto e gli faccio la spiega (mi sembra di stare a scuola, con la giustificazione in mano)
sumochef: tu mi stai prendendo in giro lo sento!
sensei basta! io non prendo in giro nessuno. Se mi si chiede cosa penso, lo dico, altrimenti non dico...ma stiamo facendo una discussione sul nulla guarda che io lavoro anche quando non lavoro!
sumochef basito: Vuol dire?
che se vado in giro, guardo, raccolgo idee, penso, faccio fotografie interiori, scrivo, immagino, e poi progetto...
sumochef : Tu sei troppo creativa!
lo so è un male ma questo è il mio male, non tuo sensei.
Si alza bruscamente e se ne va. Più tardi passa in cucina, mi vede, io sorrido e lo saluto, lui si avvicina e mi dice:
Di chi è la poesia? (sotto la composizione di fiori si scrive anche la poesia di riferimento da cui si parte)
Ono no Komachi
Scoppia a ridere e mi batte la spalla e se ne va sghignazzando...ma non mi sopporta più! Lo sento.

Etichette:

3 Comments:

Blogger Gourmet said...

Grande Gio!!!
sei VERAMENTE troppo CREATIVA!!!
Un genio!!
A presto..Sandra

10:35 PM  
Blogger Lilli said...

gio, siamo qui con i popcorn che aspettiamo che riprenda lo spettacolo...

hihihihi

10:57 PM  
Blogger Monica said...

sei una meraviglia ed il mondo che descrivi un incanto
LIZAVETA

8:38 AM  

Posta un commento

<< Home