dicembre 21, 2007

La Sua voce


Sto molto lontana da casa e in fondo sto bene perché una serie di cose lentamente sbiadiscono dalla memoria, soffocate dall'oblio e perse nell'oscuro dimenticatoio. Sbiadisce per esempio la politica italiana, che da molto lontano non fa l'effetto che fa quando si sta a casa. Che quando si sta a casa viene il fumone e parte il nervo ogni nanosecondo. Ordunque da molto lontano dicevo non è che sto proprio fuori dal mondo, internette il mondo me lo riavvicina e se lo desidero sto sul pezzo, quindi ogni mattina mi faccio i siti del Corsera e di Repubblica. Leggo volentieri un sacco di blog e m'informo e sto attenta, ma questa storia me l'ero un po' persa. Poi passando di qui mi son data una botta in fronte e son finita che mi son ascoltata (in India come dire inculodiddio) una conversazione che stava tra la migliore cinematografia italiana neorealista e il meglio del grande cinema americano. L'Italia riesce sempre a stuperfarmici. L'Italia è stuprenda e merdavigliosa.
Quando sei all'estero ti dimentichi delle voci per esempio. Ieri ho risentito la SUA voce. Uno shock. Miei cari piccoli lettori Berlusca mi si è invecchiato un casino. Altro che Hillary. La voce stanca che pareva un amministratore di condominio che non ce la fa più, indaffarato dietro due minchione a cui bisogna trovar da lavorare, mentre lo schiavo Agostino portinaio (che lo chiama deferente e servizievole Presidente che riempie il vuoto emotivo mentre il nanopiùaltodelmondo gli da maleducatamente del tu) tenta malamente di riportarlo su temi più pratici del tipo si son rotte le tubature e bisogna far qualcosa e dove si percepisce che Berlusca proprio non c'ha tigna e voglia. Sta a risolvere altri problemi non a farli. Tutta l'operazione di far cadere il governo l'ha chiamata libertà (mica cotiche).
Sono rimasta colpita benevolmente dal fatto che ho sentito una conversazione da tramandare ai posteri, da farci un filmone da Oscar e dei cazzoni ci fanno pure un rap...no dico... farci una canzoncina mi sembra di sminuire la grandezza del nanopiùaltodelmondo. La Sua voce me l'ero scordata e son rimasta fulminata quando l'ho risentita. Davvero fate qualcosa per quel poveruomo. Sta devastato dallo stress di tutta sta gente che gli chiede favori e pensa sia il Papa. E anche i giudici: insomma cosa state a sputtanarlo così? Sta dando lavoro a un milione di persone (son fighe? meglio, 'ché gira sempre un sacco di brutta gente).
Stando molto lontano da casa pare che ve la passiate male e non sappiate più cosa bisogna fare. Vi state a perdere in un bicchiere d'acqua. Per dire.

Etichette:

5 Comments:

Anonymous Anonimo said...

hai proprio ragione. la cosa allucinante è che il 50% e più degli italiani lo vorrebbe di nuovo a capo del governo.
che tristezza e che cupo futuro ci aspetta....
Daniele

10:06 AM  
Anonymous Ale said...

Ma tu guarda il caso! Io, dall'altro capo del mondo l'altro giorno ho sentito il rantolare di Prodi e mi sembrava "Il ritorno dei morti viventi".
Oh, a proposito, commenti da asilo nido sulla statura ti mostrano come una persona davvero piccola piccola... nell'anima.

2:40 PM  
Blogger lapiccolacuoca said...

@Daniele il signor Ale rappresenta appunto l'altro 50%
@Ale vedo che a citazioni 'colte' non siamo proprio forti. Rimani postato solo perche' nella mia piccolezza a tratti so essere magnanima.

3:24 PM  
Anonymous Anonimo said...

Auguri a te, a Madda e al nascituro.
Bacioni da Roma (un po' freddi...)


Anna_AR

5:28 PM  
Anonymous Maurice said...

Come ti invidio. Da lì non hai più problemi di equilibri politico-economici, qui invece dobbiamo star attenti a non perdere anche quella clientela (che è quella che ha i skei!).
Ti rinnovo gli auguri, anche a Madda.

10:01 PM  

Posta un commento

<< Home