ottobre 16, 2007

Quando arrivò la tastiera con gli accenti



Un italiano non se la fa passare che le tastiere degli others non abbiano gli accenti. 'Sta cosa proprio fa pensare a quanto lontano da casa si stia. Così passo la vita a mettere l'apostrofo quando dovrebbere esserci l'accento e di certo non mi vien voglia di andare a cercare da qualche parte nella complicatezza word le belle vocali già accentate. Poi arriva la famiglia che nella fattispecie è rappresentata dalla figlia adolescente. Che si porta dietro il computer e la tastiera.
La vita acquista un sapore diverso. La casa diventa casa e un po' mi fa sentire strana questa cosa di star lontano ma di trovarmi a casa. Quindi adesso ho la figlia e ho la tastiera con gli accenti. Madda è speciale. Ha quindici anni. E' la mia figlia speciale.
E' incinta.
E questa è un'altra storia che passo per passo miei cari piccoli lettori vi andrò a raccontare.
Quando uno spara la cazzata che la vita riserva delle sorprese, ecco: certo non pensa mai a questo tipo di sorprese. Si vive alla giornata, non sapendo mai se il giorno finisce bene o male. Mettiamola giù così: per me è un giorno che finisce bene. Perché ho la tastiera con gli accenti. Certo. Perché non so cosa mi riserverà il domani. Certo. E perchè con me ho la mia figlia speciale.

Etichette:

8 Comments:

Anonymous Maurice said...

Quello soprattutto: hai con te la figlia speciale che fa famiglia e fa casa. Un bacio a Madda, e a te ovviamente.

10:25 PM  
Anonymous Anonimo said...

VIVA LA NONNA FELICE!!!!
Deve essere una cosa emozionante sentirsi a casa propria quando sei all'estero.
Io non l'ho mai provata.

7:13 AM  
Anonymous Anonimo said...

In bocca al lupo a te madda e al nascituro.
Di certo in India non sgranano gli occhi alla lieta notizia!!!!
Anzi magari qualcuno le dirà: "Era ora".
Come si trova Madda a Chennai?

9:01 AM  
Anonymous Anonimo said...

La telenovela si fa appassionante....
Tienici informato su tutto.
marco

10:15 AM  
Anonymous Anonimo said...

Auguri per Madda!!!Questo pupo è già fortunato: ha una nonna speciale!!!


Anna_AR

6:15 PM  
Blogger lajules said...

Ecco un altro bell'accento sulla tua vita, direi!

Mi verrebbe da citare John Lennon, che diceva che la vita capita quando siamo impegnati a fare altri piani.

Un bacio a tutti e tre!

4:07 PM  
Blogger cat said...

e chi si scolla più di qua?
che avventua!
quando sono nato, mia nonna materna aveva 42 anni, e me la sono "goduta" e me la godo ancora! fortunata, saluti cat

10:36 PM  
Anonymous topazzia said...

figlie speciali a mamme speciali... senza retorica. mi piaci e non solo xkè facciamo lo stesso lavoro e tanto basta x capirci,io lavoro in una locanda del sud e ho conosciuto il tuo blog grazie ad "un filetto ben cotto..." ke inserito nel motore di ricerca mi ha portata a te e ha stemperato i toni di un diverbio col capo ah ah ah

12:47 AM  

Posta un commento

<< Home